Posts Tagged ‘pro bono’

gospel 4 haiti edizione 2012.

November 28, 2012

Chi

Il Sunshine Gospel Choir diretto da Alex Negro.

Quando e dove

Giovedì 20 dicembre 2011 h 21 – Teatro Nuovo a Torino

Perchè

Il ricavato del concerto sarà devoluto alla costruzione del Centro per la cura delle lesioni cutanee gravi “San Camillo” a Jerémie (Haiti).

Quanto

Biglietti da € 15 a € 30

Come

Prevendite a Torino

Chave Arredamenti, Via Pietro Micca 15 (ang, Via Dei Mercanti) – Tel. 011 547587
Farmacia Pensa, Via Cernaia 14/a – Tel. 011 545009
Comarco S.a.s., Via Amendola, 14 – Tel 011 5176040

Altre info

www.sunshinegospel.com

www.madian-orizzonti.it

gospel 4 haiti a grande richiesta!

September 23, 2011

Chi

Il Sunshine Gospel Choir diretto da Alex Negro. Ospite speciale Mz. Dee.

Quando e dove

Mercoledì 5 ottobre 2011 h 21 – Teatro Carignano a Torino

Perchè

Il ricavato del concerto sarà devoluto alla costruzione del Centro per la cura delle lesioni cutanee gravi “San Camillo” a Jerémie (Haiti).

Quanto

Biglietti da € 20 a € 40

Come

Prevendite a Torino

Sacrestia della Chiesa di S. Giuseppe, Via Santa Teresa, 22
Farmacia Pensa, Via Cernaia 14
Chave Arredamenti, Via Pietro Micca 15 ang, Via Dei Mercanti

Altre info

www.sunshinegospel.com

www.madian-orizzonti.it

Dalla parte di Haiti

September 12, 2011

basket4haiti

April 13, 2011
Dopo lo Speech for Haiti del dicembre scorso un altro grande evento per Haiti.
Domenica prossima 17 aprile alle ore 2030 al PALARUFFINI si terrà l’incontro tra
le glorie del basket torinese e la nazionale basket artisti.
Torneranno a giocare sul parquet del mitico Palasport campioni come abbio, morandotti, della valle, merlati, caglieris, pessina, vidili e tanti tanti altri.
Ingresso 8 euro.
L’incasso sarà interamente devoluto a Madian Orizzonti Onlus per il raddoppio del Foyer Saint Camille di Port au Prince.

concerto di Natale. per il Foyer di Bethléem dei Missionari Camilliani di Haiti.

November 19, 2010

Lunedì 20 dicembre alle 21. A Torino in via Santa Teresa 22.

Con cioccolata dopo il Concerto :-)

la lotta delle donne maya

May 13, 2010

Ricevo da Stefania G. e pubblico.

“Il Guatemala è al 1° posto in America Latina per numero di “femminicidi”, con oltre 700 donne assassinate ogni anno, nella maggior parte dei casi (61%) per mano di mariti, conviventi o altri familiari che restano del tutto impuniti. La cultura machista e razzista che discrimina le donne è diffusa a tutti i livelli sociali, inclusi poliziotti, funzionari del governo, operatori di giustizia e sanitari. Le donne, soprattutto quelle di origine maya – doppiamente discriminate in quanto indigene e in quanto donne – sono tenute segregate in casa, picchiate e stuprate fin da piccole, escluse dalla possibilità di studiare e lavorare, e costrette alla totale subordinazione economica. La situazione è grave soprattutto nel Quiché, nord-ovest del paese: una delle zone più povera e più colpita dalla guerra civile che per circa 40 anni ha insanguinato il Guatemala, lasciando un bilancio di 300.000 indigeni uccisi e un milione e mezzo costretti alla fuga, la maggior parte donne.

Oggi il conflitto ha lasciato uno strascico di violenze che colpisce soprattutto le maya ixhiles (una delle 22 popolazioni presenti nel paese, qui maggioritaria). Ma queste donne hanno deciso di reagire, dando vita a una Red, network di associazioni femminili impegnate a promuovere i diritti umani e di genere. Tra le iniziative della Red, sviluppate con l’associazione italiana Cisv (www.cisvto.org): accoglienza di donne in fuga dalle violenze domestiche, spesso con bambini al seguito, sostegno psicologico e legale, corsi di alfabetizzazione e formazione professionale, seminari per conoscere i propri diritti. La Red promuove anche l’educazione sessuale (qui il 50% delle ragazze diventa mamma prima della maggiore età e la mortalità materna è tra le più alte dell’America Latina), perché le donne sono poco consapevoli del proprio corpo e della propria sessualità, e sono gli uomini a decidere su numero e periodo di gravidanze.

Per dare migliori opportunità di vita alle donne ixhiles, la Red ha inaugurato da poco una Defensoria, cioè una casa d’accoglienza che comprende spazi per l’infanzia, laboratori e persino un auditorium e una caffetteria con area espositiva per le attività culturali.

Quest’anno grazie al sostegno Cisv si potranno attivare nel Quichè oltre una ventina di seminari, in parte destinati alla formazione diretta delle maya ixhiles, in parte per sensibilizzare le stesse autorità comunitarie, gli operatori di giustizia e sanitari, onde evitare che le donne rinuncino a denunciare gli abusi per non subire un trauma e una violenza aggiuntivi.

«La Rete sta oggi diventando punto di riferimento per l’intero territorio, riconosciuta anche da quelle istituzioni che inizialmente l’hanno ostacolata» spiega Juana Baca Velasco, coordinatrice dell’associazione. «Anche per questo, oltre a promuovere lo sviluppo integrale di donne, giovani e bambine, vogliamo contribuire a una cultura di pace e alla crescita di uno Stato democratico».

Per contribuire al progetto CISV contro la violenza alle donne in Guatemala:

– c/c postale n. 26032102

– c/c bancario Banca Etica Iban IT25 K 05018 01000 000000110668

intestati a CISV

– 5 x 1000 indicando il codice fiscale CISV 80101280016

Info: promozione@cisvto.org – www.cisvto.org

gospel 4 haiti

May 8, 2010

Chi

Il Sunshine Gospel Choir, con la partecipazione di Emanuel Miller, Neja, Rev. Bazil Meade, Luvienne, Annette Bowen, Pierpaolo Vallero, Aurelio Pitino, Silvano Borgatta, Michele Lazzarin, Dago Hernandez.

Quando e dove

Giovedì 13 maggio h 21 – Teatro Colosseo a Torino

Perchè

Il ricavato del concerto sarà devoluto a sostegno delle attività sanitarie dell’Ospedale “Foyer  Saint Camille” dei Padri Camilliani di Haiti colpito dal terremoto di gennaio.

Quanto

Biglietti da € 15 a € 50

Come

Prevendite a Torino

Teatro Colosseo, Via Madama Cristina 62 tel 011.6698034
Farmacia delle Maddalene, Piazza Respighi 3
Chave Arredamenti, Via Pietro Micca 15 ang, Via Dei Mercanti

Altre info

www.sunshinegospel.com

www.madian-orizzonti.it

PS del 14 maggio 2010. L’evento è stato un grande successo. Chissà che non si possa ripetere :-)

“il denaro è come il concime…

April 28, 2010

… deve essere sparso in giro”, ovvero, come “concimare” New York con montagne di dollari, richiamandosi all’etica del “give back”, restituire il denaro alla società che ne ha reso possibile l’accumulo.

Oggi voglio parlare di Brooke Astor, una simpatica signora che nel corso del secolo scorso fece di questa massima il suo modello portante, distribuendo in opere di filantropia la cifra di 200 milioni di dollari.

Era convinta che i soldi guadagnati a New York dovevano essere spesi a New York. E così fece.

Altro aspetto interessante del personaggio era che la cosa più importante della vita fosse “avere buone maniere e migliorare la vita del prossimo”.

Nata nel 1902 con il nome di Brooke Russell, figlia di un alto ufficiale del corpo dei marines, era cresciuta tra la Cina, le Hawaii e l’America centrale, si sposò tre volte e divenne una delle donne più ricche d’america nel 1959 alla morte del terzo marito, Vincet Astor, che le lasciò averi per circa 130 milioni di dollari.

Nei 38 anni seguenti gestì la fondazione intitolata al marito concimando la sua città con montagne di dollari.

Per me è una fonte di ispirazione, tant’è che da quando ho letto della sua vita e della sua morte, all’età di 105 anni (!), ho tenuto (e tengo) l’articolo che racconta di lei appeso nella mia cucina e ogni tanto me lo rileggo per ispirarmi :-)